Tivù 3.0 24 Novembre Nov 2014 1806 24 novembre 2014

La fiction è social con l'attore sul divano

I protagonisti di Questo nostro amore 70 in multiscreen. È la prima volta per Rai Uno.

  • ...
questo nostro amore 70

Seguire i programmi tv e commentarli sui social media in tempo reale è ormai un'abitudine sempre più comune in molti Paesi europei. Italia compresa. L’esperienza cosiddetta multiscreen è così diffusa che è diventata un'opportunità economica per il mercato degli inserzionisti pubblicitari, una consuetudine per gli utenti e uno strumento di marketing le le tivù.
Perché avere davanti due schermi, quello tradizionale della tv, e quello di uno smartphone, di un tablet o un computer, non è più di una stramberia da maniaci della tecnologia, ma un comportamento diffuso del pubblico, senza grandi distinzione di sesso, età, classe sociale.
Ma un conto è condividere su Facebook, Twitter o Instagram le emozioni di un programma, un conto è interagire direttamente con i protagonisti del programma che si guarda. Un esperimento che nessuno finora ha tentato in Italia.

Anna Valle e Neri Marcortè sono Anna Ferraris e Vittorio Costa in Questo nostro amore 70.

LA PRIMA VOLTA DELLA RAI CON QUESTO NOSTRO AMORE 70
A provarci è la Rai che nella puntata del 24 novembre della fiction Questo nostro amore 70  ha organizzato un evento live social per far guardare la puntata in multiscreen con gli attori protagonisti.
L'effetto è quello di avere Neri Marcorè (Vittorio), Anna Valle (Anna), Dario Aita (Bernardo), Aurora Ruffino (Benedetta), Manuela Ventura (Teresa) , Nicola Rignanese (Salvatore) e Marco Foschi (Diego) seduti sul divano di casa propria a guardare la tivù con gli spettatori che possono vederli e parlare con loro via tablet o pc sul sito della Rai.
«È la prima campagna che si delinea su più player in contemporanea traslando l'utente su profili social gestiti in modo differente e sul sito Web», ha detto a Letterdonna.it Domizia Mattei che è responsabile del progetto 3.0 dedicato alla fiction che ha una share media del 21% a puntata. «È un modo interattivo in cui l'utente può navigare tra i vari profili e non trovare mai la stessa informazione. Tranne quelle istituzionale di anticipazioni e riassunti».

Aurra Ruffino e Dario Aita sono Benedetta Ferraris Costa e Bernardo Strano in Questo nostro amore 70.

A guardare i numeri i risultati finora ci sono stati: Facebook ha abbondantemente raddoppiato i suoi followers con oltre 25 mila like in 3 settimane di programmazione, la portata di copertura durante la messa in onda delle puntate è di 85.978 persone, con una media di 2.300 commenti nelle 3 ore del programma. Per creare affezione, sono state lanciati degli appuntamenti fissi: Selfie 70, il contest con le foto dei telespettatori in fara per entrare nella sigla finale del programma, Back to the 70, la rubrica che racconta la storia sociale dell'epoca e i video riassunti realizzati hanno incrementato il traffico sul sito triplicandolo rispetto ad un qualsiasi altro prodotto di fiction.

Nicola Rignanese e Manuela Ventura sono Salvatore Strano e Teresa Strano in Questo nostro amore 70.

Così Questo nostro amore 70 è diventato un caso per la social tivù legata alla fiction. La prova la si ha guardando l'ultimo Report stilato da Blogmeter dedicato alla tivù social italiana nella stagione 2013-2014: ci sono stati circa 230 programmi, 6mila episodi e più di 32 milioni di messaggi provenienti da Twitter e Facebook. A farla da padrone sono ancora i live show: Festival di Sanremo (una media di 1 miline di commenti nei 5 giorni dell'evento), Mtv Award e i talent come X FactorThe Voice of Italy e Amici di Maria De Filippi che hano infiammato e dominato le conversazioni. Le serie tivù restano un discorso a parte.
Pur essendo molto chiacchierate, le americane risultano penalizzate, anche a causa di prime uscite, repliche ed visioni illegali in streaming. Si dimostrano vincenti, invece, proprio le fiction di produzione nostrana. Il campione è Braccialetti Rossi sempre Rai Uno che è stata la più commentata sia per l’intera durata della messa in onda, con 504.900 messaggi dal 26 gennaio al 2 marzo 2014, sia per singolo episodio. L’ultima puntata ha generato 37.600 messaggi, pari a più di 5 volte i messaggi prodotti dalla prima (pari a poco meno di 7.000 messaggi).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso