Genitori 12 Settembre Set 2014 1053 12 settembre 2014

Asilo, 7 consigli per l'inserimento

Come vivere serenamente il primo grande debutto dei propri piccoli nella scuola materna.

  • ...
91992981(1)

Prima di iniziare l'inserimento alla materna è importante spiegare a vostro filgio cosa succederà nei prossimi giorni. Così lo preparate alla novità gradualmente evitando traumi.


Tempo di inserimenti all’asilo nido o alla scuola dell’infanzia per migliaia di piccolini che in questi giorni iniziano la loro prima avventura fuori casa. Un momento estremamente importante per tutta la famiglia e che come tale va affrontato con l’atteggiamento giusto e qualche accortezza. Ogni genitore, infatti, vive questo passaggio con molta preoccupazione ponendosi tante domande e sperando che il proprio bambino non viva il distacco in maniera troppo traumatica. Ecco, dunque, qualche consiglio di Letteradonna.it per vivere al meglio questa fase e ridimensionare le tante e legittime ansie.





  1. Preparate il bambino. Parola d’ordine: trasparenza. Raccontate a vostro figlio cosa succederà nei giorni a venire, dove andrà e cosa farà. Andate di fronte alla scuola insieme qualche giorno prima e spiegategli che è lì che trascorrerà le sue giornate insieme a tanti altri bimbi facendo dei giochi bellissimi. È importante che il piccolo inizi a prendere le misure con la novità che lo attende e ad iniziare a interiorizzare il cambiamento.




  2. Mostratevi tranquilli. È essenziale comunicare a vostro figlio serenità. Se vi vedrà rilassati non avrà ragione di preoccuparsi. Cosa tutt’altro che semplice vista l’importanza dell’evento e i naturali timori genitoriali ma di vitale importanza per la quiete di vostro figlio che in questo momento avrà bisogno delle vostre rassicurazioni.




  3. Fidatevi degli insegnanti. Affidatevi ai professionisti che nei prossimi mesi si prenderanno cura del vostro piccolo. È il loro lavoro e sanno cosa fanno. Per questo motivo nella delicata fase dell’inserimento, quando trascorrerete qualche ora insieme a vostro figlio nelle aule prima di allontanarvi gradualmente e secondo schemi ben precisi, non mettete in dubbio i metodi del corpo insegnanti e della struttura. Se vi opporrete o metterete in discussione le indicazioni che vi daranno il vostro bambino se ne accorgerà immediatamente e sarà il primo a non fidarsi e a sentirsi a disagio.




  4. Incoraggiate il distacco. Si tratta della fase decisamente più difficile, soprattutto per le mamme. È necessario però che sia affrontata nel modo più sereno possibile. È bene dunque utilizzare delle frasi dolci e rassicuranti. Promettete che tornerete presto e che la loro sarà una giornata meravigliosa. Se il piccolo inizia a piangere – cosa molto probabile – cercate di non farvi prendere dalle emozioni. È del tutto normale e durerà molto poco.




  5. Non abbiate fretta. Rispettate i tempi del vostro bambino. Il suo inserimento sarà sicuramente diverso da quello degli altri. Aprite un dialogo costante con l’insegnante che vi aggiornerà sullo stato delle cose concordando, eventualmente, un percorso personalizzato e più graduale qualora il piccolo abbia bisogno di qualche giorno in più.




  6. Evitate confronti. Vietati i paragoni con gli altri coetanei. Evitate di dire frasi come: «Guarda come è brava quella bimba che non piange» oppure «Sei l’unico che fa queste scenate». Se il vostro piccolo ha delle difficoltà, ha solo bisogno di tutta la vostra comprensione. Umiliarlo o sottolineare la facilità degli altri contribuirà solo a diminuire ulteriormente la sua sicurezza.




  7. Parlatene a casa. A fine giornata ascoltate entusiasti i loro racconti. Ponete loro domande, siate curiosi del loro mondo e delle loro emozioni, interessatevi alle piccole scoperte e alle loro nuove conoscenze. Questo è solo il primo di tanti altri nuovi inizi e lo ricorderete insieme per tutta la vita.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso