Cinema 25 Agosto Ago 2014 1020 25 agosto 2014

A loro i riflettori

Le donne protagoniste della 71esima edizione del Festival di Venezia.

  • ...
emmastone_birdman

Da sinistra: Emma Stone, Charlotte Gainsburg, Chiara Mastroianni, Sabina Guzzanti, Isabella Ferrari.

La 71a edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia è ormai alle porte (si terrà dal 27 agosto al 6 settembre) e, come da copione, saranno diverse le star che l'animeranno. Non mancheranno le donne che, più di altre, finiranno per viverla da protagoniste. Ecco chi saranno secondo LetteraDonna.it.

LUISA RANIERI LA MADRINA
Non possiamo che iniziare dalla madrina, ovvero colei che avrà l'onore di aprire le danze conducendo la serata di inaugurazione per poi tornare sul palco della Sala Grande del Palazzo del Cinema per la premiazione. Quest'anno è il turno di Luisa Ranieri, attrice già molto amata dal pubblico italiano, che probabilmente vedremo in compagnia del marito Luca Zingaretti (anche lui al Lido in quanto protagonista del noir Perez  di Edoardo De Angelis). Inutile dire che i fotografi non aspettano altro.

EMMA STONE REGINA DI GOSSIP
Non sappiamo ancora se i suoi vari impegni le permetteranno di essere al Lido, ma una cosa è certa: si parlerà molto di Emma Stone. Il motivo? Perché ormai è diventata talmente brava che rischia seriamente di oscurare Naomi Watts, l'altra star femminile di Birdman  di Alejandro G. Iñárritu (che aprirà la Mostra). Poi a Venezia ci sarà anche il suo amore Andrew Garfield (per il film 99 Homes di Ramin Bahrani) e, si sa, un po' di sano gossip non guasta mai.

JENNIFER ANISTON LA PROMESSA SPOSA
Dita incrociate per l'arrivo al Lido di Jennifer Aniston. protagonista di She's funny that way  di Peter Bodganovich (fuori concorso). Siamo sinceri: del film importa poco, in realtà sono tutti ansiosi di vederla sfilare sul red carpet insieme a Justin Theroux, suo promesso sposo. D'altra parte ci teniamo a vedere con i nostri occhi che le cose tra di loro vanno bene, soprattutto ora in molti sostengono che il suo Brad Pitt sia ancora innamorato di lei.

Jennifer Aniston

ISABELLA FERRARI LA SCANDALOSA
Molto importa invece de La vita oscena che vede Isabella Ferrari nel doppio ruolo di attrice-produttrice. Il film, diretto dal marito Renato De Maria, è ispirato al romanzo autobiografico di Aldo Nove e pare che si contraddistingua da delle tinte forti, tanto che qualcuno potrebbe tirare fuori la parola “scandalo”. Che dire: complimenti al coraggio della Ferrari, che ogni tanto ama partecipare a progetti già pericolosi sulla carta. D'altra parte, come si suol dire: bene o male, l'importante è che se ne parli.

CHARLOTTE GAINSBOURG BISSA
Non potrà passare inosservata la presenza di Charlotte Gainsbourg, con la sua aria da affascinante anti-diva (una mosca bianca per la Mostra, diventata ormai la sagra del patinato, spesso inutile). Prima la ritroveremo nuovamente musa di Lars Von Trier nel secondo capitolo di  Nymphomaniac  e poi l'ammireremo in  Trois Coeurs  di Benoit Jacquot.

CHIARA MASTROIANNI LA FRANCESE
A Venezia ci sarà anche Chiara Mastroianni. Più volte la figlia di Marcello Mastroianni ha ammesso di essere amareggiata dal fatto di essere così poco cercata dal cinema italiano. E infatti alla Mostra del Cinema arriverà con due pellicole francesi: il già citato  Trois Coeur di Benoit Jacquot (dove tra l'altro recita con la madre Catherine Denueve) e  La rançon de la gloire  di Xavier Beauvois. Per forza di cose gli italiani si ricorderanno di lei in questi giorni, le dedicheranno servizi e spenderanno fiumi di inchiostro per sottolinearne il talento, la bellezza e l'eleganza, ma chissà come andranno le cose una volta che si saranno spenti i riflettori della Mostra.

http://youtu.be/kpw6_s0I0cM

SABINA GUZZANTI L'IMPEGNATA
Chi continuerà a far parlare anche dopo la Mostra sarà sicuramente Sabina Guzzanti. La proiezione del suo film,  La trattativa , promette di far tremare gli uomini politici italiani (e non solo). Le polemiche sono scattate fin dal lancio della locandina, che raffigura lo stemma della Repubblica Italiana con al centro un uomo nero con coppola e lupara. La pellicola, infatti, affronta un tema delicatissimo come il (presunto?) patto tra Stato e Mafia. Insomma, stavolta Sabina ha intenzione di alzare un gran bel polverone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso