Consigli 16 Luglio Lug 2014 1631 16 luglio 2014

Figli-libri, 5 tattiche di avvicinamento

La pausa estiva è perfetta per invogliare bambini e ragazzi ad appassionarsi alla lettura. Ecco come.

  • ...
200323266-001

L'estate è il periodo migliore per avvicinare i ragazzi alla lettura.

Getty Images - (c) David De Lossy


I ragazzi di oggi non leggono. È un classico: la maggior parte dei genitori lamenta lo scarso o nullo interesse dei propri figli per i libri e non sognerebbe altro che vederli incollati alle pagine di qualche saggio o romanzo.
Smartphone, tablet, televisione, computer e videogiochi finiscono inevitabilmente sul banco degli imputati in uno scontro familiare senza fine fatto di imposizioni e rifiuti. Instillare il piacere per la lettura sembra una missione impossibile. Anzi, spesso si ottiene l’effetto contrario.
Quello delle vacanze è sicuramente un periodo in cui la questione si fa ancora più sentire. Compiti scolastici a parte, madri e padri vorrebbero riempire le valigie dei propri ragazzi con piacevoli letture estive, e l’impresa risulta tutt’altro che facile. Eppure proprio le vacanze possono essere un ottimo momento per avvicinare i figli, più o meno piccoli, alla lettura. Ecco qualche consiglio di Letteradonna.it.






  1. Date il buon esempio. Se siete genitori che non leggono la strada è sicuramente in salita. Volete crescere un appassionato lettore? Iniziate a riempire i vostri comodini di volumi e a farvi vedere con uno in mano. Solo così acquisterete autorevolezza nel manifestare i vostri desideri e soprattutto sarete in grado di dare qualche consiglio.




  2. Andate in libreria. Prima della partenza prendetevi una mattinata o un pomeriggio da trascorrere con vostro figlio in libreria. Sceglietene una che sapete potrà catturare il suo interesse: grande, moderna, con aree ricreative per ogni gusto. Sarà un momento un po’ diverso dal solito in cui sia voi che i vostri ragazzi potrete sbizzarrirvi nello scegliere ciò che maggiormente potrebbe fare al caso vostro. Vi renderete conto che ci sono libri per tutte le età e le attitudini: dai classici di favole e di avventura a quelli interattivi passando per quelli con le attività, composti da pagine da colorare o cd da ascoltare.




  3. Non imponetevi. Cercate di non imporvi nelle scelte dei vostri figli. Quelli più grandi sono già alle prese con i compiti e i testi scolastici da recensire rischiate dunque che identifichino il libro solo come un obbligo. Fate capire loro che può essere un ottimo strumento di svago e come tale deve soddisfare gli interessi di ogni singolo ragazzo e bambino. Sognate che legga Pirandello o Dostoevskij? Succederà. Evitate, quindi, di appesantirli fin dall’inizio. Non c’è nulla di male se l’avvicinamento alla lettura avviene con pagine semplici e di puro divertimento. Servirà a rompere il ghiaccio. Per cui se vostro figlio sceglierà un volume in base alla copertina accontentatelo, appurato ovviamente che il contenuto sia adeguato.




  4. Accompagnateli nella lettura. Una volta scelti i libri e portati con voi in vacanza iniziate ad agire di astuzia. Che sia durante il viaggio stesso (soprattutto se in treno o in aereo), sotto l’ombrellone in spiaggia, in barca o al fresco di una baita in montagna tirate fuori il vostro libro e fate vedere ai ragazzi che il momento di relax è perfetto per leggere qualche pagina. Non solo. Rendeteli partecipi di ciò che state leggendo e fate loro domande sulle storie che hanno scelto loro. Se poi sono piccoli prendetevi del tempo per sfogliare i libri insieme. Sarà un momento estremamente piacevole e li invoglierà a farlo altre volte.




  5. Iniziate fin da piccoli. La lettura va coltivata. Prima i vostri figli inizieranno a familiarizzare con la lettura più facilmente manterranno questo interesse negli anni a venire. Se dunque state partendo con uno o più piccolini lasciate a casa i giochi di tutti i giorni e mettete in valigia tanti libri giocosi e colorati anche se non sanno ancora leggere. Fateli diventare l’intrattenimento delle vacanze e una volta rientrati a casa mantenete alto l’interesse riservando ai libri uno speciale momento della giornata e concedendovi regolarmente un giretto in libreria facendo scegliere al baby lettore ciò che più lo attrae. Creerete una piacevole abitudine che potrete mantenere negli anni.





Non resta che preparare i bagagli quindi. E se siete proprio in alto mare ecco qualche consiglio per orientarvi in libreria. Se avete figli piccoli di età compresa fra i 3 e i 5 anni Peppa Pig resta una garanzia: Le canzoncine di Peppa Pig. Con Cd audio (Giunti) o Una gita in treno (Giunti) sono sicuramente una buona idea. Se invece volete prendervi una pausa dalla maialina regina della Tv potete dirigervi su altri titoli come Un libro (Panini), che si trasforma pagina dopo pagina tra le mani di chi lo legge, Colora le storie (Mondadori)di Richard Scarry o Anche tu puoi (La Nuova Frontiera) di Emma Brownjohn, un libro pop up per imparare sin da piccoli a prenderci cura del pianeta.
Per i più grandi l’area di lettura da cui attingere è molto ampia. Potete puntare sui classici come Favole al telefono di Gianni Rodari, Storia di una lumaca che scoprì l'importanza di essere lenta (Guanda) di Louis Sepulveda incentrato sulla riscoperta del valore della lentezza, Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry e tutta le serie di Geronimo Stilton, tanto per citarne alcuni, o affidarvi alla notorietà delle famosissime saghe di Harry Potter, Twilight e Percy Jackson e gli Dei dell'Olimpo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso