Qui Parigi 10 Luglio Lug 2014 1449 10 luglio 2014

Principesse in passerella

Crinolina e gonne da debuttanti sono i punti forti del prossimo inverno. Di giorno pantaloni couture.

  • ...
Christian Dior

Christian Dior Haute Couture. Collezione autunno/inverno 2014-15.

A Parigi si chiude la settimana dedicata all’Haute Couture per l’autunno/inverno 2014-15. Per poco meno di una settimana la capitale francese si riempie di star e di glamour allo stato puro. Tra palazzi storici, sale affrescate o ricoperte di orchidee come da Dior, o ancora prati pieni di rose bianche come quelli che hanno accolto i gioielli di Bulgari, va in scena il carosello del lusso, con abiti che esprimono tutta la creatività degli stilisti e che fanno impazzire celeb hollywodiane, regine e principesse saudite.

ABITI DA BALLO PER DEBUTTANTI
Sono gli abiti rigonfi di crinolina ad avere la meglio per il prossimo inverno. Ne sa qualcosa Raf Simons, che per Dior Haute Couture ha disegnato una serie di abiti con tessuti-tapezzeria, che ripropongono gli stilemi della maison, riletti in chiave contemporanea. Anche Giambattista Valli mescola le carte e fa sfilare importanti nuvole di tulle in mille gradazioni, portate con bandane e occhiali da sole, per rompere ogni schema.
I colori sfumano anche da Elie Saab, nei lunghi vestiti color rubino tempestati di luminosi cristalli in tinta, che si muovono sinuosi sulla passerella. Jean Paul Gaultier trasforma come sempre la sua irriverenza in couture, con maxi catene stampate su abiti a campana o gonnelloni rimborsati sul fondo. Stessa forma ad uovo anche per gli abiti di Giorgio Armani Privé, che punta poi al rosso fuoco su tulle e veli fatti di delicati pois. Atelier Versace, che di fatto ha inaugurato la settimana, reinventa l’abito da ballo con tessuti croccanti che si aprono per mostrare dettagli sensuali di una collezione chirurgica ed estremamente contemporanea.

IL NUOVO CHE AVANZA: RIBALTARE I CANONI
La filosofia comune, dunque, sembra quella di svecchiare il lusso, ridando lustro a quelle maison storiche, attraverso il ribaltamento dei tradizionali canoni del gusto, senza dimenticarsi della loro storia. È l’operazione che sembra fare ad esempio Marco Zanini da Elsa Schiaparelli, con lunghi abiti  fatti di cuori e fantasie dal mood surrealista o giacche dalle maniche in vistosa pelliccia. Anche Vionnet reinventa la tradizione con long dress fatti di intrecci di tessuto e fontane di voile che spuntano da maxi oblò dal gusto modernista.

PANTALONI COUTURE DI GIORNO
L’eleganza regna sovrana anche per il giorno. Ed è per questo che i designer pensano a completi pantalone di alta classe. Sono a pinocchietto da Chanel, portati con le tradizionali giacche a taglio vivo, mentre Maison Martin Margela propone abiti-tuta in seta colorata, portati da modelle con le stole di pelliccia e  il volto coperto. Pelliccia anche da Alexandre Vauthier, portata sulle spalle, sopra a pantaloni morbidi in pendant, mentre da Dior è in contrasto su completi monocromatici. Da Rad Hourani infine i pantaloni si ricoprono di glitter neri, per un effetto traslucido molto raffinato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso