Snellenti 27 Maggio Mag 2014 1539 27 maggio 2014

E adesso spogliati

Come conquistare una linea da bikini senza soffrire la fame e stravolgersi in palestra.

  • ...
469992461

Sana alimentazione, movimento e creme snellenti. Tre step per superare la prova costume alla grande.

Getty Images/iStockphoto

Con l’arrivo della bella stagione confrontarsi con il proprio corpo è quasi inevitabile. Spesso accade in modo del tutto casuale, provando il bikini sotto la luce impietosa di un camerino o durante il cambio stagionale del guardaroba, che obbliga a guardarsi allo specchio con maggiore attenzione. E non sempre  l’immagine riflessa soddisfa il nostro senso estetico. Può essere colpa della linea leggermente appesantita, di una certa mancanza di tono o degli inequivocabili segni della cellulite. In ogni caso è vietato farne un dramma o, al contrario, assumere un atteggiamento rinunciatario. La strategia giusta? Qualche ritocco allo stile di vita e trattamenti estetici mirati.
30 MINUTI DI WALKING AL GIORNO
Camminare ad andatura sostenuta è un’attività fisica che, pur non richiedendo grandi sforzi, tonifica tutti i muscoli della parte inferiore del corpo e permette di bruciare un buon numero di calorie. Basti pensare che dopo mezz’ora di walking (tempo minimo necessario perché l’organismo inizi a utilizzare il grasso in eccesso) se ne sono consumate circa 180. Ma c’è di più: camminare di buon passo dà un vero colpo d’acceleratore al metabolismo, i cui effetti non si esauriscono al termine dell’allenamento, ma proseguono per alcune ore, aumentando così il consumo energetico anche a riposo. «All'inizio è bene limitarsi al classico walking, in seguito, chi se la sente, può alternarlo a qualche tratto di corsa moderata, naturalmente se provviste di scarpe adeguate», consiglia il personal trainer Fabio Tozzi.
SI’ AL CAFFE’, MEGLIO SE VERDE
Anche il tradizionale espresso all’italiana, grazie alla presenza di caffeina, stimola il metabolismo. Ma funziona ancora meglio il caffè verde non tostato che, oltre a velocizzare il processo attraverso il quale l’organismo smaltisce i grassi, riduce l’assorbimento degli zuccheri (si trova nelle erboristerie, sotto forma di integratore alimentare).
È importante precisare, però, che l’azione del caffé verde, come quella di tutte le piante officinali, è molto soft. Per perdere i chili di troppo, quindi, non bisogna esagerare a tavola.
Come regolarsi? È semplice: smettete di mangiare quando ancora avete un po’di appetito. Ma niente paura, non rimarrete affamate a lungo. Il senso di sazietà, infatti, si avverte dopo 20 minuti dal termine del pasto, nel momento in cui inizia il processo digestivo.
UN AIUTO DALLA CREME SNELLENTI
In genere, il grasso non è distribuito in modo uniforme, ma tende ad accumularsi su fianchi, cosce e addome. Può essere utile, quindi, intervenire localmente, applicando due volte al giorno una crema modellante. Protagonisti delle formule i derivati vegetali (tra i più usati la caffeina e gli estratti di particolari tipi di alghe), che svolgono azioni differenti, ma sinergiche: alcuni attivano il metabolismo all’interno del tessuto adiposo, favorendone la riduzione, altri ostacolano l’ingresso dei grassi nelle cellule adipose.
MICROINIEZIONI SCIOGLIGRASSO
Contro gli odiosi “cuscinetti” non sempre bastano i cosmetici. In questi casi, la soluzione viene dalla medicina estetica. Un metodo innovativo, ma ben collaudato, che dà risultati apprezzabili è l’introlipoterapia Aqualyx. «Adottando una particolare tecnica iniettiva, che prevede l’impiego di aghi sottilissimi, viene veicolato nel tessuto adiposo un composto microgelatinoso a base di sodio deossicolato, in grado di distruggere le cellule adipose», spiega Angelo De Nale, specialista in angiologia e medicina estetica. Per un effetto rimodellante visibile occorrono 4-5 sedute.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso