Consigli 13 Maggio Mag 2014 1608 13 maggio 2014

6 step per un make up perfetto

Guida pratica per scegliere cosmetici su misura e migliorare le loro performance. Parola di visagista.

  • ...
450044037

Se stringiamo tra le labbra un kleenex tra la stesura di due strati di rossetto ne prolunghiamo la durata.

Getty Images/iStockphoto

Fondotinta che garantiscono una pelle effetto porcellana per almeno otto ore, ombretti in grado di levigare le palpebre, rossetti e gloss che rendono le labbra più turgide e vellutate. I cosmetici di ultima generazione permettono di realizzare un trucco impeccabile anche alle meno esperte. A patto di scegliere i cosmetici più adatti alle proprie esigenze e di mettere in pratica alcuni semplici accorgimenti, adottati anche da molti make artist, per migliorarne le performance. La visagista Paola Curioni li ha svelati a Letteradonna.it.

1)  IDRATARE PER EVITARE UN VISO A MACCHIE
Prima di procedere al trucco, occorre uniformare il tasso idrico cutaneo con una crema da giorno, altrimenti si corre il rischio che, dopo qualche ora, il viso sia a macchia di leopardo. Nelle zone più aride, come le guance, infatti, l’epidermide tende ad assorbire maggiormente le sostanze idratanti presenti nel fondotinta, impedendo ai pigmenti di fissarsi alla superficie cutanea.
2) APPLICARE IL PRIMER PER CANCELLARE I PORI DILATATI
Il secondo step prevede l’applicazione del primer, che ha il compito di rendere invisibili i pori dilatati, illuminare l’incarnato e prolungare la tenuta del trucco. Infine si stende il fondotinta, con la punta delle dita o con l’apposito pennello (se è fluido conviene scaldarlo per qualche secondo nel cavo della mano). Importante: crema da giorno, primer e fondotinta vanno applicati a distanza di almeno cinque minuti l’uno dall’altro, il tempo necessario per stabilizzarsi sulla pelle.
3) SCEGLIERE L’OMBRETTO METAL SOLO SE LA PELLE È LEVIGATA
Una sfumatura metal o shining sulle palpebre sicuramente rende lo sguardo più luminoso, ma mette in evidenza ogni minima imperfezione cutanea. Se la pelle non è ultralevigata, quindi, conviene optare per un ombretto mat e in polvere cremosa, meglio se arricchito con pigmenti che catturano e riflettono la luce in modo da dissimulare eventuali piccole grinze.
4)  SULLE CIGLIA METTI LA CIPRIA PRIMA DEL MASCARA PER DARE SPESSORE
Una spolverata di cipria sulle ciglia, poi una buona dose di mascara, applicata dalla radice alle punte, dopo aver sollevato la palpebra con un dito: è la tecnica inventata dai truccatori di Hollywood negli anni Cinquanta. Ma ancora oggi non c’è niente di meglio per dare spessore alle ciglia e fissare il colore.
5) TRATTEGGIARE L'EYE LINER
Una riga sottile di eye liner nero o, per un effetto ancora più naturale, tanti minuscoli puntini tra le ciglia dà grande rilievo agli occhi, indipendentemente da forma e colore. Un trucco rigoroso, raffinato e facile da eseguire, che si può completare in due modi: con un tratto di matita nera lungo la rima della palpebra inferiore, per dare profondità allo sguardo e renderlo magnetico, tenendo presente, però, che in questo modo l’occhio sembrerà più piccolo; per farlo apparire più grande e luminoso, invece, basterà usare una matita color avorio o beige.
6) STRINGERE UN KLEENEX TRA LE LABBRA TRA UA PASSATA DI ROSSETTO E L’ALTRA
I nuovi rossetti assicurano tutti un’alta tenuta, ma si può prolungarla ulteriormente, scegliendo tra due tecniche diverse. La più usata dai truccatori: applicare il rouge in abbondanza una prima volta, stringere tra le labbra un kleenex, poi stendere un nuovo strato di colore, senza esagerare. La più pratica: colorare le labbra con l’apposita matita, quindi passare un rossetto della stessa tinta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso