Moda Milano 14 Gennaio Gen 2014 1549 14 gennaio 2014

Copritelo di pelliccia

Linee asciutte, colori sobri. L'uomo della stagione a/i 2014 ruba dettagli alle passerelle femminili.

  • ...
00200h_20140113205442

Fendi. Collezione autunno/inverno 2014-15.

La settimana milanese della Moda Uomo è quasi agli sgoccioli ed è già possibile tracciare un profilo di quelle le che saranno le tendenze nel guardaroba maschile per l’autunno/inverno 2014-15. La prima cosa che salta all’occhio sono sicuramente i colori, che dal grigio al tortora, passando per il polvere e il bordeaux, lasciano poco spazio alla vivacità, in virtù di tinte decisamente sobrie. Poi ci sono le linee, per lo più asciutte, sia nei pantaloni, portati spesso attillati, che nelle giacche, decisamente slim.
Gli stilisti pensano a uomo metropolitano, che ama la praticità e che ritorna a un’eleganza fatta qua e là di gilet, doppio petto e soprabiti di una certa raffinatezza.
Look insolitamente aggraziati, che rubano di tanto in tanto qualche dettaglio alle passerelle femminili, come le borse, voluminose e portare a mano, quasi accartocciate.
L’UOMO IN PELLICCIA
Oltre agli accessori, dal guardaroba della donna il maschio del prossimo inverno prende anche la pelliccia. Lunga e aggraziata come quelle di Fendi e Prada, che optano per le tinte calde del miele e del marrone, dal gusto retrò come quella di Gucci oppure corte e con cappuccio, come quelle proposte da Versace. Ma la pelliccia si fa anche dettaglio, nei revers di giacche e cappotti. Dolce&Gabbana, ad esempio, scelgono il Mongolia nero per rivestire i giacconi dei loro moderni Normanni, mentre da Missoni il pelo è bianco nelle giacche sportive dei nostalgici surfisti. Da Emporio Armani, infine, ad avere la pelliccia sono i maglioni, con le maniche in lana, per un originale effetto gilet.
INVERNO IN MAGLIA
Sembra dunque finita l’era dell’uomo scoperto anche d’inverno, ora i designer pensano anche al freddo e sotto ai maxi giacconi vogliono maglioni o pullover pesanti, fatti di intrecci originali e di dettagli in mohair. Come da Fendi, dove la lana pelosa è alternata a quella più grossa per maglioni portati lunghi, o da Iceberg, dove il mohair prende forma su dolcevita dai disegni geometrici. Geometrie anche sui pullover di Jil Sander, dove il color pavone si alterna al viola in fantasie a scacchi. Collo maxi e rimborsato, invece, da Missoni e Bottega Veneta per una sportività raffinata. Per il resto, quasi tutti gli stilisti sotto la giacca vogliono il maglioncino, portato anche sopra la camicia e addirittura con la cravatta.
QUADRI SENZA FINE
In un’ondata di completi monocromatici, dove le giacche sono rigorosamente in pendant con il pantalone e talvolta anche con il soprabito, le fantasie a quadri sembrano spezzare questa monotonia. Su tutti spiccano sicuramente quelli di Etro, vivaci e fatti di colori caldi quali l’arancio e il mattone, su abiti dalle linee asciutte e slanciate. Quadri eterei in rosso e nero, invece, da Iceberg per giacche e lunghi pastrani portati aperti, mentre da Ermenegildo Zegna i quadri hanno il blu e il grigio e colorano giacconi corti e pantaloni oversize. Da Versace i completi con fantasia check sono sobri, ma i look ravvivati da cravatte in pelle nera. Corneliani, infine, sceglie quadri classici sui toni dei grigi che propone in caban a tre bottoni, puliti ed eleganti nel segno del suo stile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso