RICERCA 25 Settembre Set 2013 0713 25 settembre 2013

Zuccheri, evitare gli eccessi

Il consumo di glucosio può danneggiare la pelle. E creare problemi ormonali.

  • ...
Evitare gli zuccheri.

Evitare gli zuccheri. Un'alimentazione troppo ricca di zuccheri altera il metabolismo e danneggia la pelle. (Thinkstock)

Getty Images/Top Photo Group RF

Zuccheri, croce e delizia. Quante volte vi sarà capitato di avere quel languorino di dolci e cadere in tentazione? Purtroppo la gola, si sa, è debole. Ma è il caso di non esagerare, non solo per timore della bilancia, ma soprattutto per preservare la nostra salute. Gli zuccheri, infatti, possono alterare il metabolismo e influire negativamente sull'assetto ormonale. Inoltre, è dimostrato da diverse ricerche internazionali che sono tra le prime cause dell'invecchiamento precoce.
EFFETTI NEGATIVI DEL GLUCOSIO
Infatti quando il glucosio trasportato dai vasi sanguigni attacca le fibre di collagene ed elastina, colonne portanti del derma si manifesta il fenomeno della glicazione che causano perdita di elasticità e di densità cutanea. Per interrompere questo processo è bene assumere frutta e verdura e ossigenare la pelle con buoni prodotti beauty.
ABBANDONARE IL CIBO EMOZIONALE
Quindi, tralasciamo il valore consolatorie dei dolci&co e del cosiddetto cibo emozionale e dimentichiamo le overdose di zuccheri perché per rimanere sani e belli necessitiamo soprattutto di vitamina C, proprio quella che viene sottratta con l'assunzione degli elementi ricchi di  zuccheri.
PROBLEMI CUTANEI E DI ACNE
Uno studio condotto dall'Università di Oslo, inoltre, ha proprio di recente dimostrato che un'alimentazione particolarmente 'zuccherina' comporta anche problemi cutanei: e così anche ben oltre dall'età della pubertà potremmo ritrovarci sul viso il fastidioso acne. Meglio, quindi, preservare salute e bellezza, moderando il proprio regime alimentare perché come ripetono spesso dietologi ed esperti alimentari 'siamo quello che mangiamo'.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso