RED CARPET 29 Agosto Ago 2013 1412 29 agosto 2013

A Venezia sfila lo stile retrò

Un'Amarcord di pizzi, spacchi, scollature all'inaugurazione della Mostra del cinema.

  • ...
0002414755

La madrina della Mostra del Cinema di Venezia, Eva Riccobono, con un abito di Giorgio Armani Privé.

Il sipario si è alzato ufficialmente sulla 70esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia e i riflettori, come sempre, sono puntati sulle star che popolano il red carpet. Per la serata inaugurale, aperta con la proiezione del film Gravity, interpretato da George Clooney e Sandra Bullock, lo stile delle dive mescola l’audacia contemporanea a un’allure decisamente retrò. Spacchi e scollature, se pur morigerate si mixano perfettamente con pizzi e pieghe bon ton.
LA MAGIA DEL TAFFETÀ
Il taffetà regala sempre grandi soddisfazioni in termini di pieghe e balze, che possono conferire un sapore d’altri tempi a ogni abito. È il caso ad esempio degli outfit scelti dalle attrici Ksenia Rappoport e Farahani Golshifteh, entrambe con abiti lunghi e bombati, la prima in bluette e la seconda in un classico nero. Stessa atmosfera vintage anche per l’israeliana Moran Atias, che è arrivata sul red carpet con un’auto d’epoca, avvolta in un abito Anni ’50 con tanto di guanti lunghi in seta e pochette ton sur ton. Sandra Bullock, invece, ha osato con un abito corallo, con maxi pieghe e spacco vertiginoso.
L’ELEGANZA DEL PIZZO
Si passa poi al pizzo, altro ingrediente retrò riproposto dagli stilisti in chiave moderna. L’ha scelto in chantilly rosa cipria la madrina della Mostra Eva Riccobono, per un abito dritto che non rinuncia però a sovrapposizioni sinuose. È in macramè, invece, quello della direttrice di Vogue Italia Franca Sozzani, sempre chiaro e lungo fino ai piedi. Rimandano poi la memoria agli Anni ’20 i look scelti dalla fashion blogger Chiara Ferragni, in un lungo nero con la parte superiore intarsiata di perline e cristalli, e dall’attrice Goldsmith Sheherazade, che ha mescolato il pizzo bianco a un voile nero luccicante. Sapori e colori differenti si amalgamano dunque sul tappeto rosso, provocando un piacevole e raffinato amarcord di stili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso