CRESCITA 1 Luglio Lug 2013 1115 01 luglio 2013

Allattamento, l'odore della mamma fa da guida

Un recente studio ha scoperto la dinamica dei piccoli al seno. Riconoscono il genitore.

  • ...
Durante la gravidanza, ma anche dopo il parto, è bene seguire una dieta sana.

Durante la gravidanza, ma anche dopo il parto, è bene seguire una dieta sana.

Prima le gioie per la nascita di un bimbo tanto atteso. Immediatamente dopo, le preoccupazioni per accudirlo al meglio. Tra queste figura l'allattamento: gli esperti raccomandano di mettere il neonato sul seno della madre così da avviare immediatamente e con naturalezza il processo di nutrizione.
UN GESTO NATURALE
Sembra incredibile, eppure il neonato è perfettamente capace di raggiungere il capezzolo del seno materno. Ma come è possibile? Cosa lo guida a compiere questo gesto così spontaneo? Credenze non tanto lontane parlavano di un comportamento innato. Uno studio recente condotto dal Wellcome Trust Sanger Institute e pubblicato sulla rivista Current Biology ha scoperto che, in realtà, a guidare il bambino verso il seno è l'odore della mamma. Sarebbe proprio questo particolare e unico odore a stimolare i neonati a succhiare il latte.
IL PICCOLO REAGISCE ALL'ODORE DELLA MAMMA
Darren Logan, responsabile dell'analisi, ha spiegato che appena dopo essere venuto alla luce, «il bambino reagisce all'odore della mamma, un odore evidentemente già noto perchè vi è stato abituato durante i nove mesi trascorsi nel pancione, e comincia a nutrirsi». In tal senso, quindi, l'allattamento è la risposta dell'organismo del neonato all'apprendimento della combinazione del tutto unica e particolare degli odori della mamma. I ricercatori inglesi hanno osservato il comportamento di alcuni topolini e hanno scoperto che, a differenza di quel che comunemente si è creduto finora, non sono i ferormoni (sostanze chimiche che attivano un comportamento innato) a influenzare la risposta del neonato spingendolo a succhiare attraverso un impulso innato, bensì il bambino impara a riconoscere l'odore. E poi, in risposta a questo odore, si attiva il comportamento che porta a succhiare.
SEGUIRE UNA DIETA SANA
Se, dunque, l'allattamento al seno viene considerato il metodo prediletto per nutrire il piccolo, è bene che la mamma segua un regime alimentare inecceppibile. Gli esperti consigliano di adottare una dieta sana: «Continuerete ancora a passare l'alimentazione al bambino. Prima lo facevate tramite il cordone ombelicale e ora tramite il latte». Bandito, quindi, il junk food. Semaforo rosso per fritti e pietanze piccanti.
VIA LIBERA A CARNE E PESCE
Sicuramente salutari i piatti a base di carne e di pesce; consentiti anche cereali, pasta, frutta e verdura, legumi. A livello di calorie, dovrete assumerne circa 500 in più ogni giorno: in questo modo garantirete un allattamento completo al vostro cucciolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso