ALLARME 21 Giugno Giu 2013 1448 21 giugno 2013

Il fumo nemico dei più piccoli

Respirare nicotina, anche indirettamente, fa male. I consigli ai genitori, fumatori e non.

  • ...
Anche il fumo passivo fa male alla salute.

Anche il fumo passivo fa male alla salute.

Esiste il fumo di seconda mano, ma anche quello di terza. Un recente studio ha scoperto che se i genitori fumano in casa solo quando i bambini non sono presenti, le sostanze tossiche contenute nella sigaretta raggiungono comunque i più piccoli.
IL FUMO PASSIVO FA MALE
I ricercatori hanno analizzato i campioni di capelli di 250 bambini su cui hanno trovato tracce di nicotina, anche se i genitori fumavano solo in assenza dei figli. Un dato inconfutabile che prova - se ce ne fosse ancora bisogno, quanto il fumo faccia male ai piccoli, anche in maniera indiretta.  E che smettere di fumare in casa può rappresentare un beneficio per la salute dell'intera famiglia.
LA PRIMA SIGARETTA A 18 ANNI
Un'indagine condotta da Doxa per conto dell’Istituto Superiore di Sanità ha evidenziato che oltre l’85% delle persone che fumano ha acceso la sua prima sigaretta prima dei 18 anni e l’età più a rischio quella tra i 15 e i 17 anni. L'Istat sottolinea come l'esempio di mamma e papà sia fondamentale nelle scelte dei ragazzi: se nessuno dei genitori fuma, solo il 17,6% dei figli diventa fumatore.
L'ESEMPIO DEI GENITORI CONTA
Gli esperti suggeriscono alcuni semplici consigli per tenere alla larga dal fumo i più piccoli:
1. Se gli dite di non fumare e poi accendete una sigaretta in casa apparirete incoerenti ai loro occhi e la vostra parola varrà ben poco.
2. Ricordate ai figli perché non si deve fumare: al di là dell’esempio non verbale è bene ottolineare gli effetti negativi che la sigaretta ha sul portafoglio e sull’aspetto fisico: aumento dell’acne, ingiallimento dei denti, invecchiamento della pelle, l’alito pesante.
3. Evitate il facile accesso alle sigarette da parte dei ragazzi: impedite che trovino sigarette a portata di mano in casa, perché resistere alla tentazione di accederne una può essere difficile, e non mandateli dal tabaccaio a comprare sigarette per voi o per altri familiari.
OLTRE 12 MILIONI DI FUMATORI IN ITALIA
Sebbene il monito della Giornata Mondiale senza Tabacco sia stato chiaro, in Italia le ultime stime parlano di 12 milioni di fumatori. E, dato ancora pià preoccupante, ogni anno il tabacco uccide quasi 6 milioni di persone, 600 mila delle quali sono vittime del fumo passivo. Le previsioni per il futuro non sono rosee: nel 2030, le vittime del tabacco potrebbero raggiungere gli 8 milioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso