DESIGN 27 Maggio Mag 2013 0954 27 maggio 2013

Abiti d'insalata, il lato fashion del food

Negli scatti della stilista coreana Yeonju Sung il cibo diventa moda. In mostra a Seoul.

  • ...
Food design.

Food design. Due capi del progetto fotografico Wearable Food della stilista Yeonju Sung.

Il cibo incontra il fashion grazie alla stilista Yeonju Sung nel progetto fotografico Wearable Food. Dagli abitini fatti d’insalata ai bustini di frutta essiccata: la verdura diventa protagonista di queste singolari creazioni di moda immortalate dalla fotografia. Esclusivamente costruiti con materiali naturali come funghi, pomodori, cipolle e zucchine, questi capi fanno effettivamente venire l'acquolina in bocca, e in fatto di estetica non hanno nulla da invidiare alle linee di abiti d'haute couture. Tanto che la designer coreana a chi le chiede se possano essere mangiati, ama rispondere «Sì, ma perché farlo, se sono belli?».
CIBO COME MEZZO
Yeonju Sung immortala abiti realizzati con il cibo per rappresentare la caducità del corpo umano. La funzione originaria dei vestiti, e cioè quella di coprire il corpo, viene svuotata: il food, protagonista della tavola, è ora una forma d'arte, da comporre e mescolare per creare un capo di abbigliamento dal significato filosofico.
FERMARE IL TEMPO
In questo modo l’artista, infatti, cerca di dare nuove suggestioni, estraendo gli elementi commestibili dal loro contesto: l’abito e il concetto stesso del vestirsi perdono il loro significato per acquisirne uno nuovo, e, per impedire che questo si deteriori col passare del tempo, l'artista ferma le sue creazioni in un momento eterno con una fotografia. Le sue opere, nate come creazioni di moda, sono giochi di forme in un trionfo di colori che richiamano tessiture a volte morbide e fluttuanti, e altre più rigide e composte.
TROVARE L'ESSENZA
Il food design è la risposta dell'artista per trovare l'essenza dell'arte. «Con il tempo il cibo che uso nei miei lavori cambia nelle forme e nel colore: il mio lavoro sopravvive con il medium della fotografia, che resiste al tempo e ci fa credere che le creazioni non esistano nel mondo reale. Il mio lavoro, come un’immagine a metà tra il reale e l’irreale, vuole parlare delle cose superflue e di quelle che stanno perdendo la loro essenza», spiega Yeonju Sung. La collezione Wearable food è in mostra a Seoul, alla Galleria Imazoo: una delizia per gli occhi e, in certo senso, anche per il palato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso