LUI & LEI 21 Marzo Mar 2013 1235 21 marzo 2013

Coppia, una questione di fiducia

Siate affidabili ed eliminate i segreti inutili. Così si costruisce un rapporto solido e duraturo.

  • ...
La fiducia è necessaria per costruire un rapporto solido.

La fiducia è necessaria per costruire un rapporto solido.

Tutto va a gonfie vele. Ma forse la relazione è agli inizi. E prima o poi il vostro partner finirà per fare qualche guaio. Ma se avete fiducia in lui, avrete più chance di perdonare e dimenticare i suoi errori. I dettagli relativi a questo atteggiamento sono stati studiati e dimostrati da una nuova, recente analisi pubblicata sul Journal of Personality and Social Psychology. I ricercatori della Northwestern University e della Redeemer University College hanno utilizzato un questionario per testare il grado di fiducia in 69 relazioni tra universitari. Gli studenti hanno poi completato il sondaggio nei sei mesi successivi - ogni due settimane -  indicando il numero di "contrattempi" del partner, la gravità dell'evento, la capacità del compagno di chiedere scusa e la loro predisposizione al perdono.
IL PERDONO FA BENE AL RAPPORTO
Il risultato? Le persone inserite nelle coppie più inclini al perdono avevano un ricordo meno disastroso rispetto alle trasgressioni del partner. L'analisi non si è però focalizzata sul fattore che porta a tale risultato. Laura Luchies, assistente di psicologia alla Redeemer University College ha spiegato che «la fiducia distorce i ricordi del passato». La spiegazione è semplice: «Quando credi che il partner stia agendo per fare il tuo bene, molto probabilmente sei più propensa a chiudere un occhio perché percepisci l'errore come unico. Quando non ti fidi, invece, rivivi la situazione nella tua mente, peggiorandone la visione. E questo rende molto più difficile il perdono». La fiducia gioca un ruolo fondamentale nella costruzione di un rapporto solido e aiuta le persone a «pensare meno ai rischi di diventare più intimi con qualcuno e a vederli sotto una luce positiva. Il vantaggio? Un legame più sicuro e soddisfacente per entrambi», ha chiarito l'esperta. Se avete bisogno di un'iniezione di fiducia, seguite alcuni semplici consigli.
DATE FIDUCIA AL PARTNER
Lasciate che il vostro lui prenda una decisione che convolga anche voi.  Dategli fiducia. E inziate dalle piccole cose: lasciate che scelga lui il ristorante per la prossima cena. Non il solito locale che frequenta assieme agli amici. Dopo questo passo saprete di poter contare su di lui anche per questioni più rilevanti. Un altro step importante: non giudicare sempre. Se il partner racconta qualcosa di personale - come un errore fatto a lavoro - non saltategli al collo. Si tratta di un momento critico che può saldare la vostra intimità oppure rovinarla. «Se lo criticate o non prendete in considerazione i suoi sentimenti, la prossima volta ci penserà su due volte prima di confidarsi. Per far si che il suo grado di apertura aumenti, fatelo sentire accettato e cercate di dargli suggerimenti su come trovare possibili soluzione», consiglia Joel Block, terapista di coppia. Ma la fiducia deve esserci da entrambe le parti: se non siete affidabili, non potete pretendere che lo sia il vostro partner.
SIATE AFFIDABILI
Per dimostrarglielo, siate responsabili: se vi chiede di guardare assieme una partita di basket, non deludetelo. E se gli avete promesso una chiamata prima di andare a letto, usate il telefono prima di addormentarvi. Il prossimo step? Dire sempre la verità. Anche le piccole bugie possono minare il legame. «Se la vostra borsa costa più dello stipendio mensile del vostro partner, abbiate il coraggio di dirglielo», incalza il terapista. Anche arrivare in tempo a un appountamento dimostra quanto una persona sia affidabile: se siete in ritardo rispetto all'orario stabilito, fate una chiamata per avvisare. Se sa che può contare su di voi, si sforzerà per fare altrettanto.
ELIMINARE I SEGRETI INUTILI
Eliminate poi i segreti inutili. Specialmente se il vostro fidanzato è stato tradito in passato. O, peggio, siete state voi a tradirlo. Non abbiate problemi nel dirgli a chi state scrivendo e non «pensate che sia un comportamento sbagliato o una mancanza di fiducia. Piuttosto, convincetevi che sia una mossa per aiutare l'altro a guarire», conclude Joel Block

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso