SFILATE 27 Febbraio Feb 2013 1033 27 febbraio 2013

Comoda e femminile la moda dell'inverno

Si conclude la fashion week milanese. Le tendenze più glam. Dalla pelle al maxi cappotto.

  • ...
Arc0098

La sfilata di Roberto Cavalli autunno/inverno 2013-14.

La settimana della moda milanese è giunta al termine e nonostante il gelo che ha colpito il capoluogo meneghino, giornalisti, blogger e buyer non si sono lasciati scappare le nuove collezioni per il prossimo autunno/inverno, sfoggiando spesso look audaci, noncuranti della neve. Quali le tendenze del prossimo anno?
Vince su tutte il desiderio di praticità e comodità, all'insegna della femminilità e del glamour. Per una donna che preferisce le tinte unite più cupe alla fantasie eccentriche e che non rinuncia alla pelliccia, quasi ovunque.
LA NUOVA MANICA È A UOVO
Giochi di contrasti e contrapposizioni, soprattutto sulle linee, che sembrano scivolare ed essere più semplici. A partire dalle maniche di giacche e cappotti, che perdono la loro forma originale per cadere a martello, regalando ai soprabiti forme tondeggianti e a uovo. Da Fendi, per esempio, i cappotti in panno e pelliccia sono gonfi e le maniche scese. Stesso mood anche da Gucci e da Emporio Armani, con giacchini corti e maniche spesso a tre quarti, leggermente bombate. Da Jil Sander, (il regno delle forme sovvertite), i cappotti hanno addirittura le maniche a campana, così come da Dolce&Gabbana, in perfetto contrasto con la sontuosità dei broccati in oro. Infine Just Cavalli e Frankie Morello applicano il principio della manica bombata a felpe e giubbini dal piglio sportivo.
SÌ A PELLE E A PELLICCIE
Tra i materiali utilizzati, che vedono un continuo contrasto tra effetti lucidi e texture opache, pelle e pelliccia si confermano un must. Marni la usa per inserti e applicazioni o trasforma le stole in preziose sciarpe attorno al collo, mentre Ermanno Scervino arriva a proporre foulard in morbido pelo.
Più tradizionalista, invece, Angelo Marani, che le propone colorate a macchie blu e rosse. Camaleontiche anche da Roberto Cavalli con il rosso che incombe sul nero e da Simonetta Ravizza, che con la pelliccia crea anche abiti e lunghe gonne.
La pelle, poi, soprattutto la nappa nera, viene eletta materiale prediletto da Trussardi per vestiti e completi giacca e pantalone. Viene impreziosita da fantasie colorate quella dei giacconi oversize di Etro, mentre è più austera quella delle giacche di Salvatore Ferragamo, che rompe la monotonia solo con un trench in vernice. Quest’ultima è molto amata anche da Versace, che crea audaci body. La pelle poi si tinge di oro, per riflessi inaspettati sui tubini stropicciati di Prada e su quelli più sagomati di Antonio Marras.
IL CAPPOTTO È MAXI
Il cappotto, però, è eletto a capospalla per eccellenza, portato lungo, spesso abbondante e quasi sempre aperto, si trasformai talvolta in un prezioso mantello. È il caso di Blumarine, che punta sul principe di Galles in pendant con i tubini.
Da Max Mara, dove il cappotto è tradizionalmente di casa, diventa strutturato con revers importanti e misure oversize, come da Versace e da Ginafranco Ferrè, dove però le linee sono più dritte. Da Mila Schön, invece, ha un’impronta dark, portato abbottonato fino al collo e rimborsato sul fondo.
LA SERA, IN ABITO O COL PANTS È SEMPRE PREZIOSA
Al pantalone, che prevale in ogni collezione, regalando look maschili, ma comunque sensuali, si contrappongono i vestiti, portati lunghi e attillati. Spesso fatti di materiali fluidi, come quelli di Missoni, che accompagnano i movimenti. Sinuosi e attillati, resi ancora più audaci da stampe foulard, i lunghi abiti di Roberto Cavalli e quelli di Etro, impreziositi anche da mini strass. Molto sexy come sempre quelli di Versace, realizzati in raso di seta con giochi di tagli e pieghe. L’eleganza si esprime in tutto il suo splendore con Alberta Ferretti, grazie a una serie di abiti, dritti e puliti, in bianco o nero, impreziositi solo da delicati pizzi chantilly.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso