Milano A/I 2013-14 24 Febbraio Feb 2013 1855 24 febbraio 2013

Marni, la pelliccia spezza la monotonia

Abiti basic impreziositi da inserti preziosi. Per reinventare il minimalismo.

  • ...
Mar0287

La sfilata di Marni autunno/inverno 2013-14.

Milano, 24 febbraio. Linee pulite, giacche sagomate e pelliccia ovunque. La collezione Marni, disegnata da Consuelo Castiglioni mixa con sapienza la pulizia di tessuti uniti e di forme basic, alla preziosità della pelliccia.
Applicazioni in pelo, grigio o marrone, a profusione, sui tubini dritti e sui cappotti in astrakan senza maniche. Le bluse sono dritte e abbondanti, con le maniche a martello e le cuciture in evidenza, in lana grigia o in nappa nera, che invade anche soprabiti e casacche.
I cappotti diventano abiti, arricchiti da cappe di pelliccia in contrasto e stretti in vita da cinture, mentre le gonne si aprono in maxi frange. Arrivano poi le fantasie, stampate in ampie gonne di taffetà, che raffigurano scenari invernali in bianco e nero, gli stessi delle scenografie dietro alla passerella.
Le stole di pelo vengono trasformate in sciarpe, avvolte attorno al collo e fatte cadere sui vestiti, per trasformarli in pezzi unici. Il grigio, il tortora, il verde e il blu vengono spezzati qua e là dal rosso rubino e dal verde marcio, uniche eccezioni cromatiche in una collezione monotono.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso