CI PIACE CURVY 21 Febbraio Feb 2013 1333 21 febbraio 2013

Fashion Week: quando l’atmosfera è dolce e morbida

Modelle con le curve e buffet nel backstage. Alla sfilata di Mirò si respira un'aria rilassata.

  • ...
elena_mirò

Che la Milano Fashion Week sia un agglomerato di ansie da prestazione, caotiche sfilate, incontri più o meno cordiali e nevrosi da outfit, questo lo sanno anche i non addetti ai lavori. Che ci sia un lato più morbido della medaglia (nel vero senso della parola), è appurato anche dalla sottoscritta. La scena era la sfilata di Elena Mirò, che per la seconda volta ha portato in passerella il suo progetto glamour e sensuale: For.me. Si tratta di una collezione dedicata alla donna curvy che intende valorizzare le proprie forme al massimo. E gli uomini seduti in front row hanno apprezzato, eccome!
L'ATMOSFERA SURREALE DEL BACKSTAGE
Un’atmosfera quasi surreale quella che si respirava nel backstage, al Museo della Permanente di via Turati: modelle rilassate (di una bellezza esagerata e con le curve al punto giusto), caffè, the, pasticcini e mini cakes al lampone. Insomma, si mangiava. E si chiacchierava, si scattavano foto al trucco e parrucco, si sbirciavano le sarte che aggiustavano il tubino sul fianco taglia 46 della statuaria Lauren McKenzie, una tra le top model curvy più belle e ambite del momento. Lauren, testimonial della bellissima campagna Primavera-Estate, immortalata dal fotografo Javier Vallhonrat, incarna alla perfezione l’ideale contemporaneo del curvy: una bellezza consapevole del proprio fascino e della propria sensualità, che trascende qualsiasi concetto di taglia.
GLI OSPITI E LA SFILATA

Il backstage della sfilata di Elena Mirò.

Arrivano gli ospiti, la fascinosa Francesca Neri, avvolta in un tubino nero e la wannabe curvy Laura Barriales e tutto ha inizio.  Sfilano l'intramontabile tubino impreziosito da applicazioni e decori luxury e diversi i materiali, dal cavallino alla pelle, dal cuoio alla pelliccia. Colori basici e audaci, come il tangerine e il rosso, rendono raffinato anche l’animalier più aggressivo.
IL PIACERE DEI DETTAGLI SOFT& GLAM
Il cameriere sorridente ti offre spumante e tramezzini come se fossi un fuscellino, un pannello rosso laccato dal quale escono delle braccia (vere, in carne e ossa) che ti avvolgono e fanno il solletico alle curve di noi comuni mortali. E poi donne reali che discutono di quanto sia portabile e tattico il tubino bianco con i laterali in pelle nera che sfina e modella. Per concludere con una dolce sorpresa nella cartellina stampa: c'è una scatolina rosa e argentata, “parisienne” per gli intenditori, con quattro macarons da gustare tornando a casa. Queste sono le coccole fashion di cui tutte, (magre e curvy senza distinzione), abbiamo un gran bisogno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso