TENDENZE 20 Febbraio Feb 2013 1337 20 febbraio 2013

La sposa di primavera è romantica

La moda bridal ama i toni cipriati. Per un'atmosfera da romanzo. Con allure vintage.

  • ...
Max Mara.

Max Mara Bridal Collection. Un abito candido dalla linea pulita e un cappello vintage: la sposa semplice ed elgante di Max Mara.

Anche se ormai è abbastanza comune sposarsi in ogni momento dell’anno, magari con un originale wedding party infrasettimanale, la tradizione predilige da sempre la primavera per le nozze. La stagione dei fiori, degli amori che rinascono e degli acquazzoni, (questi sì, non risparmiano nessuno), fanno di aprile, maggio e giugno i mesi più gettonati dagli sposi.
TONI CIPRIATI, MA INTENSI
La primavera, insieme all’estate, è la stagione che permette agli abiti da sposa di esprimersi in tutto il loro splendore. Quest’anno, la moda bridal punta su cenni di colore per dare un’impronta di novità all’abito da sposa tradizionale. I più gettonati sono i toni cipriati: nuances polverose che vanno dai color pesca, fino al più classico rosato declinato anche in sfumature intense. Poi si passa di grado e si incontra una gamma di tonalità speziate piuttosto inconsuete, nei toni del cannella, del giallo vaniglia e dell’anice. Come il gusto, anche lo stile dell’abito da sposa 2013 è abbastanza variegato, ma supportato dal colore insolito, si intravede una dominante vintage.
UN TUFFO NEL GRANDE GATSBY
Così gli abiti di Carlo Pignatelli con pizzi e perline, riportano ad allure charleston e il bridal à porter di Max Mara, un incontro tra la moda pratica e lo stile sposa, riflette, nella linea pulita dei suoi abiti, atmosfere da  romanzo. Sarà infatti la riscoperta di alcuni dettagli come il cappello a tesa larga e i guanti, preferibilmente da portare in bianco come propone Atelier Aimée Montenapoleone e cerchietti e coroncine color cipria, che tra le pagine di questo film romantico che è la moda bridal della primavera estate 2013 spicca lo stile di un famosissimo personaggio di Francis Scott Fitzgerald: la bella e sofisticata Daisy.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso