Look improbabili 14 Febbraio Feb 2013 1220 14 febbraio 2013

Sanremo, scivolata di stile in seconda serata

Si salva solo Bar Refaeli. Pollice verso per abiti-scultura, calze coprenti e brutte trasparenze.

  • ...
SANREMO ITALIAN SONG FESTIVAL

La modella israeliana Bar Refaeli con Fabio Fazio. (@gettyimages)

ANSA - ANSA

Meno male che c'era Bar Refaeli, splendida nei suoi abiti firmati Roberto Cavalli, a risollevare le sorti del look della seconda serata del Festival di Sanremo 2013. Dopo un avvio felice, a tutto glitter, cantanti e presentatori si sono abbandonati a forme geometriche, abiti-scultura, outfit che neanche la Lady Gaga dei tempi d'oro.
LA "CARAMELLONA LITTIZZETTO
Il primo clamoroso scivolone è stato quello della co-conduttrice Luciana Littizzetto, inguainata in un abito verde che non ne valorizzava nè l'aspetto, nè la statura. E a corredare il tutto, una maschera da schermitrice. Che la facevano assomigliare a un deambulante apicoltore, più che alla prima donna dell'appuntamento televisivo più atteso dell'anno. A seguire, l’azzurro e il bianco con tanto di collo di luminosissimi cristalli Swarovski, anche qui a effetto-lampadario, fino a un fin troppo serioso long dress nero con trasparenza sul decolletè che non suggeriva nulla di sexy. E come condimento, calze super coprenti. Forse a Luciana sfugge che oltre il 40 denari si cade nel ridicolo.
IL VEDO NON VEDO DI MALIKA.
A giocare alla diva sexy ci ha pensato la bionda platino Malika Ayane, con capelli biondi pettinati come una starlette anni Cinquanta, fasciata da un lungo abito nero di Lorenzo Riva, con maxi spalline anni Ottanta, che le lasciava completamente scoperta la schiena coperta di tatuaggi. E evidenziava chiaramente l'assenza del reggiseno.
L'INVISIBILE CARLA
Look decisamente low profile di Carla Bruni, che per presentarsi sul palco dell'Ariston ha scelto un tailleur grigio, abbinato a stivaletti neri Anni Settanta. Da una ex modella, ci saremmo aspettati qualcosa di meglio.
LE STAGIONI INVERTITE DI ANNALISA
Improbabile look total white per la star di Amici Annalisa, in blusa e shorts di Blumarine, con gambe troppo nude per una fredda serata di febbraio. Forse si è confusa con il Festivalbar.
ANFIBI E FIORELLINI PER LA GHIOTTO
Forse è rimasta agli anni Novanta. Oppure si è trattato di un retaggio nostalgico del grunge. Fatto sta che Irene Ghiotto ha scelto di abbinare un banale abito floreale agli anfibi Dr. Martens, aggiudicandosi così il titolo di star peggior vestita della seconda serata del Festival di Sanremo.
Speriamo che la terza serata sia quella della ripresa....

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso