BEAUTY SECRET 5 Febbraio Feb 2013 1030 05 febbraio 2013

Alghe, scrigno di bellezza

Alimento e importante fonte di benessere. Con proprietà snellenti e anti age. Per una pelle di seta.

  • ...
152171285

Le alghe sono una importante fonte di benessere. (Thinkstock)

Getty Images/iStockphoto

Resistono a temperature rigidissime negli ambienti più ostili e sanno produrre ossigeno in ogni condizione climatico/ambientale, per questi motivi sono state un anello importante nell’evoluzione del pianeta e hanno contribuito alla trasformazione dell’atmosfera terrestre da inospitale a compatibile con lo sviluppo della vita. Nel corso dei millenni si sono evolute e specializzate in oltre 20 mila specie oggi conosciute, che si distinguono secondo la pigmentazione: Cloroficee (alghe verdi), Feoficee (alghe brune), Rodoficee (alghe rosse), Cianoficee (alghe azzurre). Robuste, ricche di principi attivi nobili, prolifiche, le alghe sono una importante fonte di benessere.
SI MANGIANO PER STARE BENE
Prime forme viventi, le alghe sono microorganismi che contengono in maniera concentrata tutte le sostanze nutritive necessarie all’organismo umano e possiedono importanti proprietà medicamentose: sono ipotensive, antiulcera, remineralizzanti, stimolanti del metabolismo e delle difese immunitarie, combattono i processi degenerativi dovuti all’invecchiamento ed esercitano un’azione depurativa, attivando la circolazione.
DAL NORD EUROPA AL SUD ITALIA
Non è un caso, quindi, se da secoli sono parte integrante dell’alimentazione quotidiana di molti popoli orientali ma anche dei Paesi del Nord Europa e delle fasce costiere mediterranee. In Italia, ad esempio, vive ancora la tradizione delle zeppolelle di mare, frittelline preparate con pastella e lattuga di mare, un’alga lunga e verde che si raccoglie nei nostri fondali, mentre nel Catanese, in Sicilia, si può ancora trovare il Marau, un’insalata di alghe rosse commestibili condita con limone e sale.
SI SPALMANO PER ESSERE BELLE
Ottime da mangiare ma anche da spalmare su viso, corpo e capelli, per snellire, drenare, rassodare, rigenerare, illuminare e anche truccare. Secondo una ricerca del Marine Bioprocess Research Center (Pukyong National University, Busan, South Corea) questi organismi mono e pluricellulari contengono principi attivi biochimici (acidi grassi polinsaturi disinfiammanti, vitamine nutrienti, oligoelementi rivitalizzanti, aminoacidi essenziali energetici) che neutralizzano i radicali liberi, accelerano il metabolismo cellulare, rigenerano e difendono la struttura del derma.
EFFETTO DRENANTE E SNELLENTE
In cosmetologia si usano diversi tipi di alghe, scelte in base ai risultati che si vogliono ottenere: drenare e snellire la silhouette, rigenerare e ricompattare la pelle, rivitalizzare e illuminare i capelli. Le alghe per uso cosmetico sono coltivate in bacini d’acqua dolce o salata oppure raccolte direttamente in mare (Mar del Giappone, Oceano Atlantico, mar Mediterraneo) da maggio ad agosto, ma anche sulle spiagge della Gran Bretagna, dell’Irlanda o del Nord della Francia durante le maree. Dopo la raccolta si lasciano essicare al sole tre giorni prima di cominciare la lavorazione che le renderà adatte per l’inserimento nei cosmetici.
CREME AL TOP MADE IN QUEBEC
Un’alga rara è racchiusa in una linea cosmetica che arriva dall’estremo Nord del Quebec: Ungava, prodotti skincare formulati con ingredienti naturali biologici del territorio e sviluppati da Nunavik Bioscences, una realtà che vuole incrementare l’economia locale Inuit nel rispetto del territorio. I cosmetici Ungava combinano le proprietà di un’alga locale particolarmente resistente che racchiude un’altissima concentrazione di principi attivi, con alcune piante nordiche, con collagene marino e vitamina E. La linea, per il momento, non è distribuita in Italia, ma fortunatamente per usufruire delle proprietà delle alghe non è necessario andare in Quebec. Letteradonna.it ha preparato per voi una rassegna con alcuni cosmetici a base di alghe che si possono trovare nelle nostre profumerie e farmacie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso