CORAGGIOSA 29 Gennaio Gen 2013 1758 29 gennaio 2013

Alessandra Martines pronta a fare tris

Ha 50 anni ed è madre di due figli. Ma già pensa al terzo. Insieme al fidanzato 29enne Cyril Descours.

  • ...
Alessandra Martines, il compagno Cyril Descours e il figlio Hugo.

Alessandra Martines, il compagno Cyril Descours e il figlio Hugo.

Perfetto. Talmente perfetto da sembrare un bambolotto. Non un pianto. Non un gridolino. Rimasto per otto ore sul set di un servizio fotografico firmato Vanity Fair, Hugo, tre mesi, si è distinto per compostezza e fotogenia. Figlio di Alessandra Martines, alla soglia dei 50 anni, e del suo compagno, il 29enne Cyril Descours. La classica accoppiata donna matura-toy boy? Niente affatto. I 20 anni che li separano esistono solo a livello anagrafico. Il cuore e la testa, invece, vanno di pari passo.
UNA FAMIGLIA ALLARGATA
Pazzamente innamorato di Alessandra, Cyril ha manifestato immediatamente il desiderio di diventare padre e di formare assieme all'attrice una famiglia allargata. Nella casa parigina vivono tutti assieme: con loro c'è anche Stella, figlia che la Martines ha avuto dalla precedente relazione con il regista Claude Lelouch (75). E l'intenzione è quella di non fermarsi.
«FACCIAMO UNA SORELLINA»
«Appena nato Hugo, non osavo chiederlo. Pensavo Alessandra fosse stanca. È stata lei a dire 'facciamo una sorellina'». L'età potrebbe rappresentare un ostacolo. Ma Alessandra non ha paura: «Anni di sacrifici, dieta equilibrata e allenamenti oggi mi danno un vantaggio: ho un fisico ancora giovane, elastico. E poi nella vita non ragiono programmando; mi lascio trasportare dalle emozioni. Con Hugo è andata così. L’abbiamo desiderato tanto ed è arrivato. Ho fede nella Madonna». E all'idea di volere un altro figlio, è consapevole delle critiche che attirera su di sé: «Capisco che qualcuno mi possa criticare. Sono un personaggio pubblico e, in quanto tale, più esposto; quando poi tocchi i tasti della gravidanza e della nascita, sfiori anche quello della morte, quindi smuovi nell’inconscio delle persone cose anche molto violente. Per me però sono tutti segnali di affetto. Mi vogliono bene, come a una parente, e perciò si sentono in diritto di criticarmi».
PARTO NATURALE CON L'EPIDURALE
RipercorreNDO le tappe della gravidanza, Alessandra prova una gioia immensa, ma non nasconde qualche preoccupazione: «Mi si sono rotte le acque la mattina del 27 ottobre, un mese prima della data prevista. Solo per una coincidenza fortunata Cyril era con me. Girava fuori Parigi un film da protagonista, ma aveva due giorni di pausa. Hugo è nato la sera. Un parto naturale anche se ho fatto l’epidurale, quindi non ho sofferto. Me l’hanno dato subito e me lo sono tenuto stretto al seno. Anche Cyril l’ha voluto addosso, sul petto nudo. Era importante per lui sentire quel legame. Ha un istinto paterno spiccato, è protettivo nei nostri confronti, e non solo perché appartiene a un’altra generazione di uomini 'più moderna'. Non credo che i suoi coetanei ragionino come lui».
«PENSAVO CHE IL BAMBINO NON FOSSE FORMATO»
Innegabile lo stress di quei giorni: «Le acque si sono rotte così presto. Non me l’aspettavo. Stella era nata oltre il termine. Ero preoccupata che il bimbo non fosse del tutto formato, e poi in casa per scaramanzia non era ancora pronto niente. Ma ho sofferto soprattutto per non aver potuto allattare esclusivamente al seno. Hugo si addormentava poco dopo aver iniziato a succhiare e perdeva peso. Per me, che non sono stata allattata da mia madre, è quasi un modo per compensare questa mancanza. Per questo ho dato il seno a Stella fino ai suoi tre anni, e sono membro della Leche League, movimento internazionale a favore dell’allattamento al seno». Icona degli Anni 80 dopo aver impersonato Fantaghirò e aver partecipato come ballerina a Fantastico, la Martines ha fatto davvero tanta strada, passando dalla danza alla recitazione. E nella vita privata è riuscita a creare una famiglia felice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso