CURE DOLCI 11 Dicembre Dic 2012 1427 11 dicembre 2012

Fitoterapia contro i mali di stagione

Bacche di rosa canina ed echinacea contro il raffreddore. Salvia contro la tosse. I rimedi in un infuso.

  • ...
infuso_rosa_canina

Un infuso di bacche di rosa canina è ricchissimo di Vitamina C. L'ideale per abbattere i primi sintomi del raffreddore (Getty).

Getty Images/iStockphoto

Mal di gola, tosse, raffreddore: come ogni anno, ecco i malesseri di stagione. E con l’arrivo dell’inverno è meglio prepararsi per poterli affrontare. Da millenni la natura offre il suo aiuto spontaneo sia nella prevenzione che nella cura di questi fastidiosi malanni: l’utilizzazione delle piante medicinali, infatti, è ancora oggi la forma di medicina più diffusa nel mondo e l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l'Unione Europea hanno creato delle Commissioni incaricate di recensire gli usi tradizionali delle piante medicinali, di verificare sul piano scientifico la loro efficacia e di cercare di comprendere meglio i loro meccanismi d’azione.
LA PREVENZIONE IN UN INFUSO
Meccanismi noti da tempo e che possono aiutare la persona sia nella la prevenzione che nella cura. Fedeli al motto «prevenire è meglio che curare», la fitoterapia suggerisce un infuso a base di una miscela di erbe in grado di fornire al nostro organismo le necessarie difese per affrontare i freddi stagionali. Gli ingredienti sono sambuco, tiglio e rosa canina: è sufficiente versare acqua bollente sulle erbe, coprire e lasciare in infusione per qualche minuto e il gioco è fatto.
VIA I PRIMI SINTOMI CON LA ROSA CANINA
La rosa canina, inoltre, è molto utile anche in caso di comparsa dei primi sintomi di raffreddore o tosse: la sua proprietà antinfiammatoria è un ottimo rimedio per infiammazioni che comportano alterazioni delle mucose nasali, degli occhi e delle prime vie aeree con conseguente produzione di catarro ed è consigliata anche per la cura di affezioni stagionali infantili. Le bacche della rosa canina, infatti, sono gli elementi naturali con la maggior concentrazione di Vitamina C, presente in una quantità fino a 100 volte superiore quella delle arance: 100 grammi di bacche contengono la stessa quantità di vitamina C di 1 chilo degli agrumi tradizionali. Anche in questo caso un semplice infuso composto da una tazza d’acqua calda e un cucchiaio di bacche di rosa canine potrà donare benessere e sconfiggere il raffreddore e la tosse.
RAFFREDDORE KO CON L'ECHINACEA
Un altro elemento fondamentale per la prevenzione e la cura naturale durante l’inverno è l’echinacea: «Studi clinici», dice la dottoressa Marina Multineddu, esperta in fitoterapia, «hanno dimostrato che l’echinacea riduce la durata dell’infezione, e ne attenua considerevolmente i sintomi, quali cefalea, l’abbondante secrezione di muco dalle cavità nasali, lacrimazione e infiammazione auricolare». Alla prima comparsa dei sintomi di raffreddore o influenza, saranno sufficienti 50 gocce di estratto liquido di echinacea per tre volte a distanza di mezz’ora, per poi passare successivamente a 50 gocce tre - quattro volte al giorno per diversi giorni.
QUEL CHE C'È IN CASA
Ma spesso la cura può avvenire anche con erbe e foglie che tutti abbiamo in casa e che rappresentano gli ingredienti base della nostra cucina: il rosmarino, ad esempio, grazie alla presenza dell’olio essenziale che conferisce alla pianta una potente azione antibatterica e antisettica, è impiegato come pianta balsamica utile in caso di tosse, raffreddore e febbre. Se invece è la tosse ad essere un problema, allora si può ricorrere ai preparati a base di salvia, efficaci per combattere tutte le forme di catarro grazie alla presenza dell’olio essenziale dalle proprietà antisettiche e balsamiche. Per questa ragione trova impiego nella cura delle patologie dell’apparato respiratorio in caso di raffreddore, tosse, mal di gola e febbre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso