TIPS FOR YOU 6 Dicembre Dic 2012 1329 06 dicembre 2012

Semplici regole per conservare i cosmetici

In tempi di crisi, bisogna evitare gli sprechi. I segreti per mantenere al meglio i prodotti. Senza rischi.

  • ...
Per conservare i cosmetici bisogna seguire alcune regole, dettate dal buon senso.

Per conservare i cosmetici bisogna seguire alcune regole, dettate dal buon senso. (Thinkstock)

Getty Images/iStockphoto

Batteri, calore e aria sono i principali nemici di una conservazione corretta dei cosmetici. I prodotti, infatti, rischiano di avere vita breve più per un uso scorretto che non per la quantità di conservanti che contengono. Per evitare gli sprechi, dunque, vale la regola di usare il buon senso, come ricorda Unipro (Associazione Italiana delle Aziende Cosmetiche): «A chi verrebbe in mente di conservare il latte aperto fuori dal frigorifero o i biscotti in un barattolo senza coperchio? O magari di tenere lo sciroppo sul davanzale della finestra esposta tutto il giorno al sole? Quando si tratta di conservare cibi e farmaci, il comune buon senso suggerisce di osservare semplici regole, che impediscono ai prodotti di deteriorarsi e perdere le loro proprietà. Lo stesso dovrebbe essere fatto con i cosmetici. Infatti, anche questi prodotti contengono ingredienti che possono alterarsi se non trattati in modo corretto o se conservati inadeguatamente, soprattutto una volta che sono stati aperti».DIECI STEP
Per ridurre al minimo la contaminazione, quindi, basta fare attenzione a:
1. Usare i cosmetici di trattamento e di trucco in maniera costante e continuata in modo da consumarli in tempi brevi. Preferibile, in questo senso, quindi la scelta mini size di smalti, mascara, rossetti e le confezioni da 30 ml di creme e sieri.
2. Lavare sempre le mani prima di applicare qualunque cosmetico.
3. Utilizzare le mini spatole apposite per prelevare la crema dai vasetti, avendo cura che siano ben pulite. Stessa attenzione va riservata a spugnette e pennelli per il make up che vanno lavati con frequenza con acqua tiepida e sapone neutro
4. Non diluirli mai con acqua o altre formule cosmetiche come latte detergente o tonico. Una delle usanze più scorrette è la diluizione del mascara un po’ secco con il latte detergente: questo mix altera la formula originaria che non garantirà più la tenuta del mascara con il rischio di irritare gli occhi.
5. Farne un uso strettamente personale. Proibito ‘prestare’ ciprie o fondotinta compatti, gloss, rossetti, ecc. Con la texture del trucco, sul viso si rischia di applicare anche i batteri della precedente proprietaria.
6. Annotare sul fondo della confezione del cosmetico il primo giorno d’utilizzo in modo da poterne calcolare con esattezza la scadenza indicata dal simbolo del PaO, oppure calcolare fin da subito il giorno di scadenza e annotarlo.
7. Quando le formule cambiano odore o colore, o se, comunque, hanno un odore sgradevole, vanno eliminate senza indugi.
8. Richiudere bene le confezioni e conservarle in ambienti freschi e asciutti, al riparo dalla luce.
9. Inutile e dannoso conservare le creme in frigorifero: il freddo eccessivo può alterarne la formulazione esattamente come il grande caldo.
10. Lasciare la trousse con i prodotti di make up in auto, quindi sottoposta a continui stress termici.

I cosmetici non sono tutti uguali: quelli che contengono più acqua durano meno. (Thinkstock)

Getty Images - (c) altrendo images

QUANTO DURA UN COSMETICO
Scoprirlo è semplicissimo: dal 2009 per immettere un cosmetico sul mercato bisogna seguire la normativa europea che regola la definizione di cosmetico, gli ingredienti proibiti (sono oltre 1.370), gli elementi da indicare in etichetta, la durata e la scadenza.
Ecco il vademecum da seguire per non avere più dubbi sulla durata dei prodotti:
- Se un cosmetico ha una scadenza inferiore ai 30 mesi, il produttore deve segnalare una data di scadenza precisa con mese e anno, esattamente come accade con i farmaci. Questo tipo di segnalazione di solito è presente negli integratori alimentari, spesso utilizzati in sinergia con le formule cosmetiche (anti age, anti cellulite, anti caduta per i capelli), nei cosmeceutici (formule a metà strada tra il cosmetico e il farmaco) e in certi prodotti con un’importante componente acquosa.
- Se la scadenza minima supera i 30 mesi è obbligatorio apporre sulla confezione esterna l’immagine di un barattolo aperto con indicata accanto la dicitura M (che sta per mese, mounth, mois, monat, nelle diverse lingue europee) e un numero che indica il numero dei mesi, data dopo la quale il prodotto deve essere considerato scaduto. Ad esempio: se si apre una crema oggi e sulla confezione è impresso il barattolo aperto con la dicitura M6, significa che tra sei mesi da oggi il cosmetico non può più essere considerato sicuro.
CONSIGLI PER OGNI PRODOTTO
I cosmetici non sono tutti uguali, in generale quelli che contengono più acqua si conservano meno.
Trattamenti.
Creme, sieri e C. si mantengono più a lungo se racchiusi in tubetti e flaconi air-less che non nei vasetti; mentre mousse, latti detergenti, gel e tonici si mantengono fino a un anno dall’apertura. Si conservano meno le salviette detergenti, in genere sei mesi, perché possono seccarsi.
Make up.
La conservazione dei fondotinta compatti dipende dalle spugnette: se sono pulite il fondotinta può durare un anno. Le ciprie in polvere e i blush da uno a due anni. Ombretti, eyeliner, matite e mascara truccano una zona particolarmente delicata del viso, sicché conviene non usare il prodotto oltre la data di scadenza anche se sembra ancora in buone condizioni: da sei a dodici mesi per le formule liquide o in crema, fino a 24 per quelle in polvere. Si consiglia di appuntire frequentemente la matita per eliminare i batteri che si depositano sulla mina scoperta. Il mascara dura meno di tutti perchè si secca rapidamente e perchè si riempie di batteri introdotti nel contenitre con l’aria ‘pompata’ muovendo, dall’alto verso il basso, lo spazzolino (il modo migliore per raccogliere il prodotto è ruotare lo scovolino all’interno del contenitore). La durata massima per i nuovi mascara è di due anni. Secondo il College of Optometrists di Londra, invece, il 20 per cento delle donne usa mascara vecchissimi, di oltre quattro anni, rischiando di irritare e infettare l’occhio.
Detergenti.
Bagnoschiuma, saponi, shampoo e balsamo resistono fino a 12 mesi dall’apertura, se non vengono contaminati con l’acqua introdotta nel flacone. Alcune formule vendute in farmacia, riportano invece la data di scadenza
Profumi.
Eau de toilette, eau de parfum, eau de cologne: indipendentemente dalla concentrazione, durano tutti tre anni. Il problema non è l’inquinamento batterico (l’alcol tiene lontani i batteri), ma è la fragranza che cambia: già dopo alcuni mesi le note di testa tendono a evaporare. Per conservarli al meglio bisogna tenerli al buio o dentro l’astuccio di cartone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso