INCONTRI A TEMA 30 Novembre Nov 2012 1624 30 novembre 2012

Adolescenti e internet, maneggiare con cura

I dati di una ricerca sui ragazzi milanesi e il web. E un ciclo di incontri per i genitori.

  • ...
86509961

Il 95% degli adolescenti intervistati è iscritto a Facebook.

Getty Images/Goodshoot RF

Che l’adolescenza sia uno dei periodi più difficili da affrontare nella crescita dei figli lo sanno bene  mamme e papà dei quindicenni. Questa infatti è un’età di sviluppo, di cambiamento e di grandi conflitti, sia interiori sia con il mondo esterno. Ma a complicare il lavoro dei genitori degli anni Duemila si aggiunge la rivoluzione tecnologia che rappresenta un campo nuovo, dove regna ancora molta confusione sui reali pericoli e sui comportamente giusti da adottare.
INTERNET, IMPIEGO FULL TIME

Secondo quanto emerso dall’indagine condotta dalla Società italiana di medicina dell’adolescenza,  internet rappresenterebbe per gli adolescenti di oggi un impiego quasi full time. I circa 800 giovani intervistati delle scuole medie inferiori e superiori di Milano hanno ammesso di navigare nel web almeno due o tre ore al giorno, mentre il 23% di loro sfora in eccesso. La maggior parte si collega alla rete nel pomeriggio (circa il 71%), mentre il 66% dopo cena e ben il 24% a notte fonda. Questo è il momento considerato dagli esperti come il più pericoloso, soprattutto per la presenza nel web di stalker e pedofili, attivi anche sui social network . Va ricordato che il 95% degli adolescenti intervistati ha un profilo sul popolarissimo Facebook, e una buona parte è sempre attiva grazie alla crescente diffusione degli smartphone di ultima generazione.
I PRO E I CONTRO DELLA RETE
Come ogni cosa, internet ha i suoi pro e i suoi contro, soprattutto per l’uso che gli adolescenti ne fanno. E se da una parte c’è il dato effettivo di ragazze che subiscono molestie, evidenti fenomeni di stalking, o di cyber bullismo, proprio come il recente caso di Andrea, l’adolescente romano suicidatosi perché deriso attraverso Facebook, dall’altra c’è l’incoraggiante aspetto legato allo studio. Pare infatti che il 77% degli adolescenti milanesi utilizzi la rete per studiare, documentarsi, informarsi: le vecchie enciclopedie, infatti, sono state sostituite dai ben più rapidi motori di ricerca on-line.
UN CICLO DI INCONTRI SUL TEMA
Proprio per riflettere su questi temi l’Associazione laboratorio adolescenza, in sinergia con la Società italiana di cure primarie pediatriche e il liceo Varalli di Milano, organizza un ciclo di incontri dal titolo Adolescenza, età di confine. A partire da sabato 1 dicembre, si parlerà dell’uso di internet e dei nuovi mondi sociali in cui si muovono i teenager. Lo scopo del primo incontro nella sala Spazio del sole e della luna di via Ulisse Dini, 7 a Milano, vuole fare il punto e ragionare sulle nuove forme di socialità e sui rischi a esse connessi, senza depotenziare o demonizzare però i privilegi che ne derivano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso