SESSO 28 Novembre Nov 2012 1236 28 novembre 2012

Social network, i killer del desiderio

Il 35% delle donne è insoddisfatta a letto. Perché lui è molto distratto. Soprattutto dal web.

  • ...
Alcol, stress e social network mettono in crisi la coppia.

Alcol, stress e social network mettono in crisi la coppia.

I ritmi frenetici e il web rappresentano un nemico per la coppia. Già, proprio così. 
Social Network, alcol, fumo e stress sarebbero i principali responsabili delle crisi. Secondo un recente sondaggio, in collaborazione con l'Ami (Associazione degli avvocati matrimonialisti italiani), gli italiani sarebbero insoddisfatti, soprattutto sotto le lenzuola: il 29% dei maschi e il 35% delle femmine ha giudicato la propria vita sentimentale decisamente inaccettabile.
IL CELLULARE È UN TERZO INCOMODO
Le ragioni sono le più disparate ma alcuni dati fanno riflettere. Per esempio, circa 3 uomini su 10 trascorrono le serate davanti al computer, e il cellulare è uno degli intrusi più fastidiosi nel letto delle coppie italiane. Accade così che i partner, gradualmente, si allontanani, senza avere più tempo per le coccole e per il sesso. Secondo l'analisi, anche chi lamenta poca passionalità nei momenti intimi frequenta in modo assiduo Facebook e Twitter. Si fa sempre meno l'amore, con un calo del 70% quando entrano in gioco internet, tablet e telefoni.
STRESS & CO. UCCIDONO LA PASSIONE
Anche l’alcol, che ammazza la libido, vi allontana da rapporti sereni. Tra questi elementi, anche il fumo, la droga, l’obesità, la mancanza di sonno, la sedentarietà, il dolore e le malattie sessualmente trasmissibili.
 Per il 95% degli uomini e l’84% delle donne la colpa è da attribuire alla stanchezza, anche se spesso la non voglia di fare l’amore è dettata da certi comportamenti errati. Passare la serata al computer o a chattare con le amiche non stimola la libido. E il fatto che solo il 12% degli uomini e il 9% delle donne possa definire ottima e totalmente soddisfacente la propria vita sessuale è abbastanza sconfortante.
LE SCAPPATELLE VIRTUALI
L’Ami, tramite il presidente nazionale, Gian Ettore Gassani, ha lanciato l’allarme per le coppie che usano Facebook: le scappatelle virtuali avvengono con una frequenza sempre maggiore. In alcuni casi, le persone coinvolte mettono fine a un matrimonio. Il dato è allarmante:  i social network sarebbero responsabili del 20% delle crisi matrimoniali che arrivano in tribunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso