TRATTAMENTI 6 Novembre Nov 2012 1156 06 novembre 2012

Relax and beauty, i segreti del fai da te

Più tempo e coccole a corpo e viso. Con la mente libera. E qualche ora solo per noi.

  • ...
86488700

Relax & Beauty in una vasca da bagno

Getty Images/Comstock Images

Dedicare a viso e corpo tutto il tempo che meritano, senza mai guardare l'orologio.
Questa è la soluzione per rendere la pelle più luminosa, restituire vitalità ai capelli e combattere lo stress.
Quando il nemico da battere è l'orologio, spesso si allentano le difese sul fronte beauty: pulizie del viso frettolose, niente idratante dopo la doccia, asciugature a phon rapide e brucianti.
Se poi si aggiungono gli inevitabili segni di una vita sempre di corsa e dinamica, guardarsi allo specchio non sempre è gratificante. In compenso, può far scattare quel sano meccanismo di autodifesa che induce a rallentare i ritmi. Ma non basta. Per cancellare dal volto ogni traccia di stanchezza e ravvivare la folta chioma, occorrono trattamenti ad hoc, da effettuare con calma, senza porsi limiti di tempo. Concentrarli in un pomeriggio può essere un modo per rilassarsi, riprendere contatto con il proprio corpo e, grazie ai risultati ottenuti, migliorare la propria immagina riflessa allo specchio.
BAGNO GIAPPONESE DALLA FILOSOFIA ZEN
Più che un bagno è un vero rito che nasce dalla filosofia zen, secondo cui è fondamentale curare la persona per raggiungere l’armonia interiore. Nella vasca, riempita di acqua a 38 gradi, si entra solo dopo una doccia di pulizia, meglio se completata da uno scrub. Per sopportare meglio la temperatura piuttosto elevata, conviene rimanere sedute, con le gambe flesse e la testa appoggiata sulle ginocchia. Poi non resta che aspettare il benefico effetto del calore liquido: totale relax, associato a una sensazione di calma e serenità. I giapponesi usano mettere nell’acqua un cedro o un limone tagliati in due, che possono essere sostituiti da qualche goccia di essenza.
FANGO EFFETTO SAUNA
Trattamento base dei centri benessere, il fango dà grandi risultati fin dalla prima seduta: rende meno evidente la pelle a buccia d’arancia, riduce i gonfiori e migliora il tono cutaneo. Garantiscono una buona efficacia anche i prodotti per uso «domestico». Sono composti, infatti, da mix ben dosati di oligoelementi di origine termale o marina, argille e alghe, utili per restituire elasticità alla pelle e favorire l’eliminazione dei liquidi. In genere, richiedono un tempo di posa di 20-30 minuti, durante i quali sarebbe bene coprire la zona trattata con la pellicola trasparente, in modo da ottenere un benefico effetto sauna. L’azione del fango può essere amplificata se prima di applicarlo si effettua uno scrub al sale, che rende l’epidermide più ricettiva.

Il trattamento di una maschera viso.

Getty Images/Pixland

TUTTE IN MASCHERA
Hanno un contenuto di principi attivi nettamente superiore agli altri cosmetici e agiscono in profondità. Per questo, l’effetto delle maschere è rapido e subito visibile. A una condizione: dopo aver steso il prodotto in modo uniforme, bisogna rimanere in completo relax, sdraiate (per favorire l’afflusso di sangue al viso) ed evitando qualsiasi contrazione facciale (in modo che i lineamenti si distendano e le rughe si spianino). Perché la pelle sia in condizione di assorbire al massimo i principi attivi presenti nel prodotto, è bene stendere la maschera dopo una scrupolosa pulizia, meglio se completata da un gommage delicato.
BUONE IDEE PER LA TESTA
Se le frequenti asciugature a phon e le aggressioni delle sostanze inquinanti hanno reso i capelli fragili e opachi, shampoo e balsamo possono fare ben poco. Quel che ci vuole è un trattamento d’urto supernutriente, rinforzante e ristrutturante. LetteraDonna.it vi suggerisce due alternative: una miscela di olio di ricino, di mandorle dolci e di oliva extravergine in parti uguali (da applicare prima dello shampoo sui capelli asciutti per almeno mezz’ora) o una maschera ad azione intensiva (da applicare subito dopo lo shampoo, lasciandola in posa  per10 minuti).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso