VIDEO HOT 12 Ottobre Ott 2012 1511 12 ottobre 2012

L'hard che piace alle donne

Per imparare: questo è l'approccio femminile ai film erotici. Lo conferma un'insolita giuria.

  • ...
I film hard hanno anche una funzione educativa.

I film hard hanno anche una funzione educativa.

Chi l'ha detto che i film hard siano un prodotto dedicato esclusivamente all'universo maschile? Forse è un'antica convinzione. Ma è stata sfatata, signore. Liberatevi dai pregiudizi, soprattutto ora che le donne si sono messe dietro la cinepresa per capire cosa sia davvero eccitante. Il risultato? Una serie di film erotici costruiti su regole ben precise, stilate alcuni anni fa da un quintetto danese: Gerard Winther, sessuologa, Lilli Henriksen, giornalista, Christina Lohse, modella erotica, Vibeke Vindelw, produttrice, e Mette Nelund, assistente di produzione.
SCENEGGIATURE VEROSIMILI
Ebbene, queste cinque signore sono convenute sul fatto che un film a luci rosa debba avere sceneggiature verosimili e realistiche. Cari maschi, altro che un muratore con i pettorali in vista. Occorre ben più impegno. La trama, dunque, ricopre un ruolo importantissimo, così come la protagonista, che deve essere sempre consenziente. Via libera a scene umoristiche e, naturalmente, largo ai sentimenti. È cosa nota che il sesso, per la maggior parte delle donne, vada di pari passo con il convolgimento mentale. Banditi primi piani fetish. E le sequenze di sesso orale sono ammesse purché non si esageri.
PORNO EDUCATIVO
Non è da sottovalutare che il genere hard, negli ultimi anni, stia assumendo anche un ruolo educativo. Si, proprio così. Per molte ragazze, guardare scene di sesso fini a sé stesse non è eccitante. Occorre uno scopo: la scena erotica deve'essere il coronamento di una storia d’amore. Oppure serve per imparare qualcosa di nuovo. Si sta dunque sviluppando un filone di pellicole il cui fine è quello di istruire: video per capire come eseguire un massaggio erotico a come rendere più intenso un orgasmo. L'intento è uno solo: migliorare la vita sessuale di chi guarda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso