TENDENZE 2 Ottobre Ott 2012 1150 02 ottobre 2012

Inverno incatenato

Argentate, per un look deciso, o dorate con effetto gioiello. Ma ovunque: dal sandalo alla giacca.

  • ...
Beyoncè

Catene ai piedi per Beyoncè.

Se quest'inverno volete davvero cavalcare l'onda della tendenza, non vi resta che incatenarvi. Niente gesti estremi o di protesta. Ma accessori, dettagli e gioielli che impreziosiscono e personalizzano la moda del momento.
ISPIRAZIONE METROPOLITANA
Di ispirazione metropolitana, la catena in acciaio entra a far parte dell'abbigliamento punk fine Anni '70, insieme con borchie, spille e altro materiale che, fino a quel momento, poco aveva avuto a che fare con la moda. Dalle strade alle passerelle il passo è piuttosto breve e stilisti del calibro di Vivienne Westwood ne consacrano l'ascesa all'olimpo dello stile.
A TRACOLLA
Quest'anno la tendenza viene ripresa a piene mani e declinata in diverse varianti: dorate o in acciaio puro, le catene impazzano su abiti, giubbini e borse. C'è chi ne ha fatto un vero e proprio must come la stilista Stella McCartney, che con la sua it bag “Falabella”, profilata da catena in acciaio, ha conquistato l'universo femminile: star system compreso, come dimostra Anne Hathaway che la sfoggia in versione maxi.

Miley Cyrus le porta al collo, in più giri.

E SULLA GIACCA
Se quelle argentate, applicate da Zara sulle sua giacche, conferiscono decisione e carattere al proprio look, la versione dorata fa subito effetto gioiello, come i sandali indossati da Beyoncè o, molto più radicale, la stampa esibita da Milla Jovovich su fondo bianco.
Si possono portare sovrapposte al collo in più e più giri, come suggerisce Miley Cyrus, per un look molto giovanile e metropolitano. Oppure si accoppiano perfettamente a nastri e fiocchi con un risultato più elegante e romantico come i bracciali della catena Promod. In passerella vale tutto, dalla stampa all over, come ci insegna Diane Von Furstenberg, ai dettagli di Frankie Morello. Per uno stile incatenato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso