HIGH - TECH 13 Luglio Lug 2012 1234 13 luglio 2012

Con l'app il fitness è di casa

Lo smartphone diventa utile per tenersi in forma, anche in salotto. Ma gli esperti restano scettici.

  • ...
fitness_casa

Con le app è possibile fare esercizi di yoga comodamente in soggiorno. All Yoga, ad esempio, è un programma che propone centinaia di posizioni sia per principianti che per esperti.

www.jupiterimages.com - (C) 2008 Jupiterimages

È un tocco glamour in più in borsetta. Lo smartphone, però, con tutte le sue funzioni multimediali, ha dimostrato di non essere solo uno “sfizio”, ma anche un prezioso alleato nella quotidianità. Un amico con cui divertirsi e capace di rendere la vita più comoda. Merito delle apps, abbreviazione di applicazioni: si tratta di software che si scaricano in forma gratuita o dietro pagamento di cifre ridotte e hanno infinite funzioni. Fra quelle che più affascinano il mondo femminile ci sono, senza dubbio, quelle dedicate al fitness, che permettono di allenarsi senza varcare la soglia di una palestra. Sono tantissime, se ne perde il conto. Ma alcune hanno fatto centro per design, praticità e costo ridottissimo. E sono scaricatissime.
DALLA CORSA ALLO YOGA
RUNKEEPER. Èfra le più note. Gratuita, di FitnessKeeper, serve per gli allenamenti all’aperto: qualsiasi attività si pratichi (ad esempio il jogging), permette di tracciare il percorso misurando la durata, la velocità, i cambiamenti di altitudine e altre variabili. È anche possibile visualizzare il cammino grazie a Google Maps e conservare i report.IFITNESS. Sviluppata da Medical Productions (costa 1,59 euro), offre oltre 300 esercizi da fare a casa oppure in palestra, servendosi dei pesi e dei macchinari. Ognuno è accompagnato da foto e video, in modo che chiunque possa eseguirlo. C’è la possibilità di creare “ruotine”, ovvero programmi ad hoc per le proprie esigenze, e memorizzarle. Alcune routine sono già pronte.PEDOMETRO. Firmato da Luminant Software, costa 0,79 euro e permette di contare i passi, i metri e i km percorsi durante una camminata o una sessione di jogging. Tiene sotto controllo anche la distanza percorsa, la velocità e le calorie bruciate.
EGOFITNESS. È un personal trainer virtuale creato da Gianluca Musumeci con la collaborazione del campione mondiale di body building Leo Caminotto. Studiato per chi non va regolarmente in palestra, propone 140 esercizi in base alle zone muscolari: dagli addominali ai glutei, dalle gambe alle spalle. Fornisce suggerimenti sulle serie, sui tempi di recupero e anche sull’alimentazione.ALL YOGA. Di Fitness Guide, è dedicata agli appassionati di yoga e propone centinaia di posizioni sia per principianti che per esperti. Ha un design molto elegante e permette di verificare i progressi compiuti. Il prezzo di lancio è di 0,79 euro.

La app iFitness offre oltre 300 esercizi da fare a casa oppure in palestra, servendosi dei pesi e dei macchinari.

SCETTICI GLI ESPERTI: «SERVONO DA COMPLEMENTO»
Come comprensibile, nelle palestre, le apps per il fitness non accendono grandi entusiasmi. I primi a essere scettici sono gli istruttori: ritengono che le immagini su un piccolo schermo touch screen non possano sostituire la loro presenza o, comunque, i benefici tratti da un costante allenamento in sala pesi e una assidua frequenza alle lezioni “in carne e ossa”. Simone Lucantoni, che insegna spinning in una palestra di Roma, ha un’idea ben precisa: «Le apps per il fitness possono essere utili, ma in determinati periodi. In vacanza, per esempio. Mettiamola così: non dovrebbero sostituire la palestra, ma rappresentare un completamento. Certo, sono belle e ricche ma non credo che, da sole, possano dare la motivazione, l’insegnamento e i risultati necessari». E poi a casa mancherebbero le chiacchiere da spogliatoio, gli sguardi e il testosterone dei super-allenati. Sì, insomma, le app sono un'altra cosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso